Passa ai contenuti principali

Pagamenti F24 - Nuove regole dal 1° ottobre

Dal 1° ottobre 2014 sono state introdotte dall'art. 11 del D.L. 66/2014 nuove regole per il pagamento di tributi e contributi tramite modello F24.
In particolare sono state limitate le possibilità di utilizzare il canale bancario, a favore dei servizi telematici, Entratel o Fisconline, dell'Agenzia delle Entrate (F24 cumulativo - riservato agli intermediari abilitati -, F24 online, F24 Web). Si riepilogano tutte le situazioni – nuove e previgenti – che richiedono tassativamente l'utilizzo in via esclusiva dei canali telematici dell'Agenzia delle Entrate:
  • Compensazioni con saldo finale di importo pari a zero;
  • Compensazioni conseguenti a credito IVA superiore a € 5.000,00 anche se il singolo Mod. F24 utilizza solo una parte del credito disponibile (norma già in vigore dal 2010).
Si evidenzia, inoltre che i Privati potranno continuare ad utilizzare la delega cartacea presso gli sportelli bancari per importi sino a € 1.000,00 – senza compensazioni - mentre per importi superiori solo fino al 31 dicembre, dopo tale data si applicheranno le medesime norme vigenti - sin dal 2007 - per i titolari di P. IVA. 


Va peraltro evidenziato che non esiste nel nostro ordinamento alcuna fattispecie sanzionatoria connessa alla "errata" utilizzazione del sistema o mezzo di pagamento di tributi e/o contributi. 
Ne consegue che, qualora il contribuente ricorra ad un canale di pagamento diverso da quello indicato nella normativa e la banca mandi avanti il pagamento, che va dunque a buon fine, la "violazione" parrebbe non sanzionabile, proprio per l'effetto della mancanza di una norma specifica in tal senso.
Unica possibilità sanzionatoria da parte dell'Amministrazione finanziaria potrebbe configurarsi nel caso in cui il pagamento tramite il canale non codificato possa effettivamente costituire un ostacolo all'attività di controllo. In questo caso potrebbe essere applicata la sanzione per violazione formale pari a 258 euro.

AGGIORNAMENTI

Se vuoi ricevere le notizie dal sito inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Post popolari in questo blog

SANZIONI E OBBLIGO VACCINALE - Ricorso al Giudice di Pace ?

Dal 1° dicembre sono in notifica le sanzioni previste dall'art. 4 sexies del D.L. 44/2021 ai soggetti che, rientrando nelle categorie obbligate (ultra cinquantenni, sanitari, Forze dell’Ordine, soccorso pubblico, insegnanti) non abbiano iniziato al 15 giugno 2022 il ciclo vaccinale anti SARS-CoV-2. Nel D.L. 162 del 31/10/2022 da convertire in legge entro il 30 dicembre, il Governo ha inserito un emendamento con cui si dispone che <<sono sospesi le attività e i procedimenti di irrogazione delle sanzioni>> per l'omissione dell'obbligo vaccinale. La norma così scritta si riferisce esclusivamente all'attività amministrativa del procedimento sanzionatorio, ossia la postalizzazione degli Avvisi di Addebito da parte dell'Agenzia delle Entrate, e non al procedimento giudiziario di contestazione delle notifiche già effettuate. Pertanto, se la norma non verrà integrata con un'esplicita sospensione dei termini di opposizione delle sanzioni già inviate, è neces

IL TRIBUNALE DI VELLETRI BOCCIA L'OBBLIGO DEL VACCINO COVID PER LAVORARE

Il giudice pronunciandosi definitivamente con Ordinanza del 14/12/2021, nel riconoscere l'interesse costituzionalmente prevalente della salute pubblica, ha peraltro evidenziato che la stessa è messa a rischio in maniera uguale sia dal vaccinato, sia dal non vaccinato. Ne consegue che l'obbligo di vaccinazione imposto dal DL44/2021 quale requisito professionale richiesto ai sanitari - ora esteso dal DL172/2021 anche a altre categorie - per accedere all'attività lavorativa costituisce una discriminazione sugli altri diritti (dignità, lavoro, sussistenza ...) tutelati dalla Costituzione. I principi giuridici e medico scientifici espressi nell'Ordinanza del Giudice sono d'altronde confermati dalla Circolare del Ministro alla Salute Speranza datata 14/12/2021, nella quale si richiede il tampone anche ai vaccinati per entrare in Italia. Il vaccino, dunque, rimane uno dei rimedi per combattere il COVID, ma perde ogni presupposto per poter essere posto quale discrimine al

Congelata sino al 30 giugno la sanzione per l'inosservanza dell'obbligo vaccinale COVID

La fine dell'anno è stata caratterizzata dagli ultimi sussulti della nomenclatura Ultra-Vax ancora annidata al ministero della Salute. Per gli italiani, che non hanno accettato il ricatto vaccinale anti COVID le prime settimane di dicembre hanno portato quale regalo di Natale la notifica dell'Avviso di Addebito della sanzione di Euro 100. In realtà questa volta si è trattato di un “colpo a salve”, di un atto fine a stesso e privo di concreta efficacia. Il Governo Meloni, infatti, ha congelato la procedura sanzionatoria sino al 30 giugno 2023, in attesa di porre poi presumibilmente la parola fine a tale vergognosa pagina della storia repubblicana. L'art. 7 al comma 1bis - introdotto dalla legge di conversione - del D.L. 162/2022 ha sospeso sino al 30 giugno 2023 le attività e i procedimenti di irrogazione della sanzione previsti dall'articolo 4-sexies, commi 3, 4 e 6, del decreto-legge 1° aprile 2021, n. 44 La norma sospensiva peraltro non brilla per chiarezza e coerenz