Passa ai contenuti principali

Materie

I) Area prevalente:
Diritto del Lavoro
  • Gestione del personale
Inquadramento contrattuale e amministrativo dipendenti (contratti di assunzioni, licenziamenti, ecc.)
Gestione Libro Unico del Lavoro (buste paga) e del rapporto lavorativo
Elaborazione e trasmissione Modulistica per il versamento di ogni tipo di contribuzione
Rapporti e adempimenti con gli Enti (INPS, INAIL, Cassa Edile, ENPALS, Fondi, ecc)
Elaborazione e trasmissione dichiarazioni annuali (CUD, Mod. 770 e Denuncia Salari INAIL)
Analisi costi, sviluppo ratei, prospetti e tabulati vari, dati bilancio

  • Consulenza
Diritto del lavoro e sindacale
Valutazione discipline normative e contrattuali di inquadramento
Valutazioni regimi contributivi
Ammortizzatori sociali
Sicurezza sul lavoro

  • Legale
Ricorsi amministrativi nei confronti degli istituti previdenziali ed assicurativi
Contenziosi sindacali
Controversie giudiziali in materia di lavoro e previdenziali
Difesa penale in materia di lavoro

II) Altre Aree di intervento e di competenza
DIRITTO DEI  CONSUMATORI Contratti di viaggio - Utenze di servizio
COMMERCIALE
E SOCIETARIO
Contratti d’impresa
Recupero del credito
Procedure fallimentari

OBBLIGAZIONI
E CONTRATTI
Assistenza redazione contratti tipici ed atipici
Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale




PROPRIETÀ Modi di acquisto ed azioni a tutela della proprietà
Diritti reali
Comunione e condominio

Possesso: azioni a tutela e procedimenti cautelari
LOCAZIONI Rapporti di locazione privati e commerciali

PERSONE E FAMIGLIA
Procedimenti in materia di matrimonio:
- separazione personale dei coniugi
- cessazione degli effetti civili del matrimonio
Procedimenti in materia di stato delle persone:
- curatela e tutela
- interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno




ARBITRATO

Consulenza ed assistenza
PROPRIETÀ INTELLETTUALE

Diritto d’autore, marchi e brevetti
Tutela della concorrenza e del mercato
DIRITTO
ASSICURATIVO
Risarcimento sinistri, danno biologico




















AGGIORNAMENTI

Se vuoi ricevere le notizie dal sito inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Post popolari in questo blog

IL TRIBUNALE DI VELLETRI BOCCIA L'OBBLIGO DEL VACCINO COVID PER LAVORARE

Il giudice pronunciandosi definitivamente con Ordinanza del 14/12/2021, nel riconoscere l'interesse costituzionalmente prevalente della salute pubblica, ha peraltro evidenziato che la stessa è messa a rischio in maniera uguale sia dal vaccinato, sia dal non vaccinato. Ne consegue che l'obbligo di vaccinazione imposto dal DL44/2021 quale requisito professionale richiesto ai sanitari - ora esteso dal DL172/2021 anche a altre categorie - per accedere all'attività lavorativa costituisce una discriminazione sugli altri diritti (dignità, lavoro, sussistenza ...) tutelati dalla Costituzione. I principi giuridici e medico scientifici espressi nell'Ordinanza del Giudice sono d'altronde confermati dalla Circolare del Ministro alla Salute Speranza datata 14/12/2021, nella quale si richiede il tampone anche ai vaccinati per entrare in Italia. Il vaccino, dunque, rimane uno dei rimedi per combattere il COVID, ma perde ogni presupposto per poter essere posto quale discrimine al

SANZIONI E OBBLIGO VACCINALE - Ricorso al Giudice di Pace ?

Dal 1° dicembre sono in notifica le sanzioni previste dall'art. 4 sexies del D.L. 44/2021 ai soggetti che, rientrando nelle categorie obbligate (ultra cinquantenni, sanitari, Forze dell’Ordine, soccorso pubblico, insegnanti) non abbiano iniziato al 15 giugno 2022 il ciclo vaccinale anti SARS-CoV-2. Nel D.L. 162 del 31/10/2022 da convertire in legge entro il 30 dicembre, il Governo ha inserito un emendamento con cui si dispone che <<sono sospesi le attività e i procedimenti di irrogazione delle sanzioni>> per l'omissione dell'obbligo vaccinale. La norma così scritta si riferisce esclusivamente all'attività amministrativa del procedimento sanzionatorio, ossia la postalizzazione degli Avvisi di Addebito da parte dell'Agenzia delle Entrate, e non al procedimento giudiziario di contestazione delle notifiche già effettuate. Pertanto, se la norma non verrà integrata con un'esplicita sospensione dei termini di opposizione delle sanzioni già inviate, è neces

RISARCIMENTO DEL DANNO E RIVALSA DEL DATORE DI LAVORO

Il Datore di lavoro ha il diritto di essere risarcito nel caso della sospensione temporanea della prestazione lavorativa del dipendente dovute a qualunque fatto imputabile a responsabilità di terzi. Rientrano tra queste ipotesi i casi più disparati dall'incidente stradale, al morso di animale in custodia, all'intossicazione alimentare in un ristorante, ecc.. Gli esborsi sostenuti per retribuzioni e contributi corrisposti a dipendenti durante il periodo di inabilità temporanea conseguente ad infortunio extra lavorativo - quindi senza ricevere il corrispettivo costituito dalle prestazioni lavorative - integrano per il datore di lavoro un danno, che si ricollega con nesso di causalità a