Passa ai contenuti principali

EMERGENZA CORONAVIRUS: Nuove Limitazioni per le attività economiche

L'emergenza coronavirus fa scattare ulteriori limitazioni alle attività economiche. Il Governo nazionale ha disposto la chiusura da oggi 12 marzo sino al 25 marzo di ristoranti, pizzerie, bar, pasticcerie, gelaterie. Tali attività tuttavia, per espressa previsione normativa contenuta nello stesso DPCM, possono essere svolte se effettuate con consegne a domicilio oppure tramite distributori automatici. Va, inoltre, osservato che la norma sospende i servizi inerenti tali attività e non la produzione, che pertanto può continuare; in particolare gelati e pasticceria possono essere prodotti, ma non venduti al dettaglio, bensì venduti alle rivendite di generi alimentari o ai supermercati.

Chiuse anche tutte le attività commerciali al dettaglio con l'esclusione di quelle riportate nell'allegato 1 al DPCM (alimentari, sanitarie, ferramenta, profumeria e igiene, materiale elettrico, ottica e fotografia, edicole e tabacchini, ecc.).

Sono altresì chiuse le attività di estetista e parrucchiere.

Rimangono, invece, aperte - con l'obbligo di rispettare la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro - tutte e altre attività economico-produttive (industriali, artigianali, terziarie, agricole).

Sono infine state annunciate la definizione a breve di misure a sostegno del reddito per tutti i settori. Date per certe sono la riattivazione della Cassa Integrazione in Deroga per tutti i settori esclusi dalla CIGO, nonché un congedo straordinario di due settimane con indennità a carico INPS in percentuale ridotta rispetto alla retribuzione persa.

Permane per tutta la popolazione la restrizione agli spostamenti, i quali devono avvenire solo per motivi di lavoro, di salute o di necessità quale l'acquisto di generi alimentari (DPCM 8/3/2020 art. 1 lett. a) esteso a tutto il territorio nazionale dal DPCM 9/3/2020 art. 1 c.1). La violazione delle disposizioni configura violazione di carattere penale. La restrizione tuttavia confligge con la possibilità di praticare sport e attività motorie  all'aperto (DPCM 8/3/2020 art. 1 lett d).

Si riportano in calce gli allegati del DPCM 11/3/2020 con l'elenco delle attività commerciali escluse dall'obbligo di chiusura.

Allegato 1
COMMERCIO AL DETTAGLIO

Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici


Allegato 2
Servizi per la persona

Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
Attività delle lavanderie industriali
Altre lavanderie, tintorie
Servizi di pompe funebri e attività connesse

Commenti

AGGIORNAMENTI

Se vuoi ricevere le notizie dal sito inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Post popolari in questo blog

SANZIONI E OBBLIGO VACCINALE - Ricorso al Giudice di Pace ?

Dal 1° dicembre sono in notifica le sanzioni previste dall'art. 4 sexies del D.L. 44/2021 ai soggetti che, rientrando nelle categorie obbligate (ultra cinquantenni, sanitari, Forze dell’Ordine, soccorso pubblico, insegnanti) non abbiano iniziato al 15 giugno 2022 il ciclo vaccinale anti SARS-CoV-2. Nel D.L. 162 del 31/10/2022 da convertire in legge entro il 30 dicembre, il Governo ha inserito un emendamento con cui si dispone che <<sono sospesi le attività e i procedimenti di irrogazione delle sanzioni>> per l'omissione dell'obbligo vaccinale. La norma così scritta si riferisce esclusivamente all'attività amministrativa del procedimento sanzionatorio, ossia la postalizzazione degli Avvisi di Addebito da parte dell'Agenzia delle Entrate, e non al procedimento giudiziario di contestazione delle notifiche già effettuate. Pertanto, se la norma non verrà integrata con un'esplicita sospensione dei termini di opposizione delle sanzioni già inviate, è neces

IL TRIBUNALE DI VELLETRI BOCCIA L'OBBLIGO DEL VACCINO COVID PER LAVORARE

Il giudice pronunciandosi definitivamente con Ordinanza del 14/12/2021, nel riconoscere l'interesse costituzionalmente prevalente della salute pubblica, ha peraltro evidenziato che la stessa è messa a rischio in maniera uguale sia dal vaccinato, sia dal non vaccinato. Ne consegue che l'obbligo di vaccinazione imposto dal DL44/2021 quale requisito professionale richiesto ai sanitari - ora esteso dal DL172/2021 anche a altre categorie - per accedere all'attività lavorativa costituisce una discriminazione sugli altri diritti (dignità, lavoro, sussistenza ...) tutelati dalla Costituzione. I principi giuridici e medico scientifici espressi nell'Ordinanza del Giudice sono d'altronde confermati dalla Circolare del Ministro alla Salute Speranza datata 14/12/2021, nella quale si richiede il tampone anche ai vaccinati per entrare in Italia. Il vaccino, dunque, rimane uno dei rimedi per combattere il COVID, ma perde ogni presupposto per poter essere posto quale discrimine al

Congelata sino al 30 giugno la sanzione per l'inosservanza dell'obbligo vaccinale COVID

La fine dell'anno è stata caratterizzata dagli ultimi sussulti della nomenclatura Ultra-Vax ancora annidata al ministero della Salute. Per gli italiani, che non hanno accettato il ricatto vaccinale anti COVID le prime settimane di dicembre hanno portato quale regalo di Natale la notifica dell'Avviso di Addebito della sanzione di Euro 100. In realtà questa volta si è trattato di un “colpo a salve”, di un atto fine a stesso e privo di concreta efficacia. Il Governo Meloni, infatti, ha congelato la procedura sanzionatoria sino al 30 giugno 2023, in attesa di porre poi presumibilmente la parola fine a tale vergognosa pagina della storia repubblicana. L'art. 7 al comma 1bis - introdotto dalla legge di conversione - del D.L. 162/2022 ha sospeso sino al 30 giugno 2023 le attività e i procedimenti di irrogazione della sanzione previsti dall'articolo 4-sexies, commi 3, 4 e 6, del decreto-legge 1° aprile 2021, n. 44 La norma sospensiva peraltro non brilla per chiarezza e coerenz